dolci di natale

Dolci di Natale: che passione! Le solennità natalizie addolciscono il cuore e il palato grazie a sapori irrinunciabili che fanno subito festa e calore. Ogni regione d’Italia e del mondo ha le sue ricette, sapori irrinunciabili che raccontano anche i luoghi in cui sono nate.

In Italia, la Puglia ha reso celebri, ed esportato al di fuori dei suoi confini, alcuni dolci di Natale tipici, come ad esempio le cartellate ma, grazie alla diffusione di internet e ai viaggi, anche la Germania è diventata molto nota per i suoi biscotti decorati e i pani dolci natalizi.

Se desiderate ispirarvi in vista delle prossime festività, spaziando tra tradizione e innovazione, proseguite nella lettura per scoprire e a confrontare i migliori dolci di Natale della tradizione pugliese e tedesca, magari per proporre ai vostri amici e parenti delle idee regalo home made, tutte da mangiare!

I dolci natalizi pugliesi:

Se parliamo di pasticceria, quella pugliese si basa prevalentemente su ingredienti poveri, è molto semplice ma gustosa! I dolci di Natale, in particolare, sono tanti e variano da zona a zona, tra i più conosciuti ricordiamo:

– Le pettole: palline dorate di pasta lievitata e fritta in abbondante olio bollente, note sia nella versione dolce che salata e farcita. Le pettole dolci vengono cosparse di zucchero semolato e servite calde. Sono una delizia intramontabile, molto semplice da preparare e amata da tutti, ideale da gustare in qualsiasi momento della giornata.

– Le cartellate: croccanti “rose” di impasto, a base di farina, olio e vino bianco. Una volta creata la forma tipica, le cartellate possono essere fritte oppure cotte in forno, successivamente vengono immerse in una riduzione di vincotto o miele. Si tratta di un dolce unico per via del suo sapore deciso e per la consistenza friabile al morso.

I Sannacchiudere (nel tarantino), noti anche come purcedduzzi (nel Salento), si tratta di una variante dei famosi struffoli napoletani, ossia piccole palline di pasta dolce fritta, ricoperte di miele e decorate con zuccherini e confettini colorati. È un dolce molto antico, addirittura pare che una prima versione fosse stata portata in Puglia dai Greci ai tempi della Magna Grecia.

I taralli dolci: piccoli anelli di impasto a base di farina, olio e vino bianco, cotti in forno e poi ricoperti di una glassa tipica e deliziosa, a base di acqua e zucchero a velo.

Le mandorle zuccherate: croccanti bontà realizzate con tre soli ingredienti: mandorle, acqua e zucchero. Ne esiste anche una variante al cioccolato, molto amata soprattutto dai bambini, che prevede che le mandorle tostate vengano semplicemente immerse nel cioccolato fondente fuso.

I dolci natalizi tedeschi:

Come accade in Italia, anche in Germania esistono significative varianti dei dolci di Natale, sia a livello di preparazione che di ingredienti.

Scopriamo alcune di queste specialità nel dettaglio:

– Il Christstollen: una sorta di panettone ma a pasta compatta e dura, un pandolce tipico, basso e lungo, ricco di spezie e abbondantemente spolverato di zucchero a velo, farcito con frutta candita e secca, soprattutto noci e uva sultanina. Questa prelibatezza ha una storia molto antica, se ne ha notizia già nel XIV secolo, e davvero non c’è famiglia e pasticceria tedesca che non lo serva a Natale!

– I Lebkuchen: famosissimi biscotti speziati, preparati nelle più svariate forme e dimensioni. Vengono profumati da spezie, in particolare la cannella, e decorati con glassa al cioccolato, frutta secca o con decorazioni in ghiaccia reale. Hanno il sapore del pane speziato e non sono secchi come i normali frollini! Una loro caratteristica molto apprezzata è di essere ancora più buoni il giorno dopo la cottura.

– Il Baumkuchen: un dolce golosissimo a base di cioccolata e marzapane, cotto in altezza in una apposita tortiera cilindrica in strati di sfoglie sottili, circa venti, e infine irrorato di cioccolato fondente fuso. È una torta scenografica, oltre che deliziosa, perché tagliandola si scoprono i vari strati, che ricordano gli anelli degli alberi (da cui prende il suo nome).

Gli Spekulatius: biscotti fondenti di pasta frolla, arricchiti da spezie come cannella, cardamomo e chiodi di garofano, tradizionalmente serviti nel giorno di San Nicola. Sono molto semplici da preparare e famosi per la friabilità e per le forme tipiche, infatti, già prima della cottura vengono decorati con motivi natalizi grazie a degli stampi speciali.

Nota a margine:

Ogni Natale, lo Chef di Casa Mita, Arcangelo Mita, non manca mai di proporre agli ospiti i dolci della tradizione pugliese, non disdegnando la scoperta di sapori nuovi, ispirati alle ricette della cucina internazioanale.

Se avete voglia di assaporare le ricette tipiche e le novità di Casa Mita, vi aspettiamo nel nostro B&B Ristorante, accogliente e incantevole in ogni stagione.

Contatti Casa Mita

  • Sito internet: https://www.albergoristorantecasamita.it/
  • Email: infocasamita@libero.it
  • Tel: 0995336177 – Cell. 3929847501
  • Indirizzo: Via del posto 16, Pulsano